Adenocarcinoma

 Descrizione Generale dei Tumori

 

Ad oggi sono conosciuti più di 100 tipi di tumori tutti con caratteristiche diverse:

  •             benigni come

o      fibromi,

o      angiomi,

o      polipi e

o      cisti o

  •             maligni (cancro che, prima o poi, attaccherà degli organi vitali) come

o      carcinomi (tessuti epiteliali e ghiandolari),

o      sarcomi (tessuti molli) e

o      leucemia (sangue).

 

Tutte le cellule tumorali, però hanno delle proprietà biologiche comuni che sono quelle oggetto di ricerca al fine della strategia terapeutica. Queste proprietà possono o meno manifestarsi ed in periodi più o meno lunghi.

 

  •             Instabilità genomica. Alterazione cromosomica causata da:

o      un errore che la cellula “madre” compie durante la sua divisione in “cellule figlie”,

o      fattori esterni come radiazioni o sostanze chimiche (farmaci, fumo, ecc…)

a causa della quale le cellule perdono alcune funzioni e/o acquisiscono altre capacità.

 

  •             Proliferazione incontrollata e senza rispetto delle regole dettate dai fattori di crescita dell’apparato di appartenenza.

 

  •             Ricchezza di vasi sanguigni in prossimità ed all’interno delle loro masse.

 

  •             Nutrimento continuo: riescono a procurarsi nutrimento anche in assenza di ossigeno.

 

  •             Immortalità: riescono a sfruttare un enzima riparatore dei cromosomi.

 

  •             Blocco dei geni oncosoppressori normalmente deputati alla distruzione delle cellule “sbagliate”.

 

  •             Metastasi. Sono in grado modificarsi, entrare nei vasi ed andare a colonizzare altri organi adeguandosi al nuovo ambiente.

 

  •             Inibizione delle difese immunitarie. “Deviano” le cellule immunitarie imponendo loro di produrre sostanze infiammatorie favorevoli.

 

  •             Infiammazione dovuta alla reazione del >>>sistema immunitario. Purtroppo sono in grado di creare un microambiente infiammatorio in cui crescere meglio.

 

  •             Capacità di ricomparsa. All'interno delle masse sono presenti delle cellule staminali in grado di replicarsi all’infinito divenendo le responsabili del ritorno della malattia.

 

Descrizione Generale e Classificazione dei Carcinoma

 

Il termine carcinoma sta ad indicare qualsiasi tipo di neoplasia maligna che origina da una cellula epiteliale.

I tessuti epiteliali rivestono le superfici di tutte le strutture interne ed esterne del corpo comprese cavità e ghiandole, quindi: il carcinoma può originare, non solo dall'epidermide ma, anche, da tutti gli organi interni dell’organismo umano tanto che l’80% per cento dei casi di cancro sono carcinomi.

 

Le caratteristiche principali di questo tumore sono:

  •             l’alto potere infiltrante e
  •             l’alto potere metastatizzante

quindi, la sua capacità di intaccare in maniera semplice e veloce le regioni anatomiche adiacenti e di diffondersi attraverso il circolo sanguigno o il circolo linfatico rendono questa patologia davvero molto pericolosa.

 

In questo paragrafo (>>>carcinoma) si potrà leggere la classificazione dei carcinomi in base alla cellula epiteliale di origine ed in base alle caratteristiche che tale cellula assume dopo la comparsa della neoplasia.

 

Definizione e Tipologie più drequenti di Adenocarcinoma

 

Si tratta di un tumore indifferenziato (maligno) che origina

  •             dall'epitelio ghiandolare di organi ghiandolari esocrini (ad esempio: mammelle, pancreas o prostata) o
  •             dalle cellule epiteliali (senza proprietà secretorie) dei tessuti con proprietà secretorie (ad esempio: gli strati di mucosa che rivestono la parete interna di esofago, stomaco, colon-retto).

 

Se il tessuto ghiandolare è anormale, ma la neoplasia è benigna, si parla, invece, di adenoma benigno (che, però, può evolvere in adeocarcinoma).

 

Vista l’origine, le parti del corpo che possono essere interessate sono davvero numerosissime. Di seguito, quelle più frequentemente colpite.

 

ADENOCARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA

Rappresenta il nel 10-15% dei casi dei tumori alla cervice (normalmente, invece, si tratta di carcinomi a cellule squamose).

 

COLANGIOCARCINOMA

Trae origine dalle cellule epiteliali costituenti i dotti biliari.

 

ADENOCARCINOMA DEL COLON-RETTO

È una delle principali forme di tumore maligno a carico di questo tratto intestinale. La cellula tumorale origina dalla mucosa o è l’evoluzione di un adenoma.

ADENOCARCINOMA ESOFAGEO

È la forma più diffusa di tumore maligno a carico di quest’organo.

 

ADENOCARCINOMA DEL PANCREAS (o tumore esocrino del pancreas)

L’origine sono le cellule epiteliali dei dotti pancreatici. Purtroppo, si tratta di una neoplasia molto aggressiva.

 

ADENOCARCINOMA DEL POLMONE (leggi il capitolo dedicato >>>Tumori polmonari non a piccole cellule)

Quasi l'80% dei casi di tumori al polmone sono imputabili ad un adenocarcinoma.

La sede d'origine è a livello

  •             dei tessuti epiteliali dell'albero bronchiale,
  •             dei tessuti secernenti muco e
  •             delle cellule degli acini polmonari.

Normalmente i pazienti sono fumatori.

I tipi di adenocarcinoma polmonare più comuni sono:

  •             il carcinoma bronchioalveolare ed
  •             il carcinoide bronchiale.


ADENOCARCINOMA DELLA PROSTATA (leggi il capitolo dedicato >>>Adenocarcinoma della prostata)

Il 99% dei tumori maligni della prostata.

 

ADENOCARCINOMA DEL SENO

È la principale forma di >>>tumore al seno.

In genere, trae origine dalle cellule epiteliali dei dotti o dei lobuli e viene classificato in:

  •             carcinoma duttale invasivo (il 55% dei casi),
  •             carcinoma duttale in situ (forma tumorale pre-cancerosa, con le caratteristiche di un carcinoma ma con un minor potere infiltrante),
  •             carcinoma lobulare invasivo.

 

ADENOCARCINOMA DELLO STOMACO (o adenocarcinoma gastrico)

Rappresenta circa il 90% dei tumori maligni dello stomaco.

 

ADENOCARCINOMA PAPILLARE DELLA TIROIDE

Rappresenta tra l’80% dei tumori maligni a carico della tiroide.

 

ADENOCARCINOMA DELL'URACO

Origina dalle cellule che costituiscono un tratto delle vie urinarie del feto che collega la vescica al cordone ombelicale (uraco). Normalmente, dopo pochi mesi dalla nascita, involve in un cordone fibroso.


ADENOCARCINOMA DI VULVA E VAGINA

 

Sintomi, Diagnosi E Trattamento Degli Adenocarcinomi

 

Ovviamente, i sintomi di un adenocarcinoma dipendono dalla sede della neoplasia.

La diagnosi è basata su:

  •             biopsia,
  •             tomografia assiale computerizzata e
  •             risonanza magnetica nucleare

 

La prognosi di un adenocarcinoma dipende dalla sua stadiazione e dal suo grado.

Come per quasi tutti i tumori, si utilizza il sistema internazionale di classificazione:

  •             T (dimensioni)
  •             N (coinvolgimento o meno dei linfonodi regionali adiacenti al tumore)
  •             M (presenza di metastasi).

La gravità del processo è stabilita da fattori numerici che indicano: le dimensioni del tumore (T0-T4), il numero di linfonodi coinvolti (N0-N3) e la presenza o meno di metastasi a distanza (M0-M1).





Second Opinion - Secondo Parere Medico

Come funziona

La Second Opinion è un servizio dedicato ai pazienti che richiedono un approfondimento o un'opinione medica aggiuntiva su una diagnosi ricevuta o un trattamento prescritto. Valutare l'opinione di un secondo specialista permette di assicurarsi che nessun dettaglio importante sia accidentalmente trascurato.
La Second Opinion rappresenta un passo fondamentale nel processo di cura del paziente, che fa risparmiare tempo e risorse economiche che diversamente sarebbero necessarie per raggiungere diverse strutture sanitarie.

  • Consulto in 7 giorni
  • Ritiro documentazione medica a casa tua
  • Ricevi il referto online

Second Opinion

Domande Frequenti

La Second Opinion è un servizio dedicato ai pazienti che richiedono un approfondimento o un’opinione aggiuntiva su una diagnosi ricevuta o un trattamento prescritto. La Second Opinion rappresenta un passo fondamentale nel processo di cura del paziente, che fa risparmiare tempo e risorse economiche che diversamente sarebbero utilizzate necessarie per raggiungere diverse strutture sanitarie.
I tempi medi per il servizio sono di 7 giorni. Questi comprendono il trasporto della documentazione clinica e la refertazione medica. Le tempistiche potrebbero variare in base alla disponibilità dello specialista scelto.
Il giorno in cui arriverà il corriere dovrai introdurre nella busta che ti verrà consegnata: -     esami diagnostici riguardanti il tuo caso clinico -     referti e documenti precedenti -     questionario clinico (se non compilato on-line) -     copia fronte-retro di un tuo documento d’identità e codice fiscale
Leggi tutte
Caricamento